Skip to Content
Back

Rimodulazione e riorganizzazione dei Servizi Sanitari dell’Area Vasta 2 nei mesi estivi

Facendo riferimento a quanto apparso in data odierna sulla stampa locale e in particolare all’articolo  del Corriere Adriatico -pagina di Ancona- dal titolo “Le proroghe di 300 contratti sono solo fumo negli occhi”, la Direzione Generale dell’Asur comunica quanto segue:

La rimodulazione e riorganizzazione dei Servizi Sanitari dell’Area Vasta 2 tra i mesi di giugno e di settembre è prassi programmatoria di ogni periodo estivo. Viene effettuata con l’obiettivo di bilanciare diritto degli operatori alle ferie e mantenimento dei servizi essenziali per i cittadini.

Anche per quest’anno, quindi, niente di nuovo rispetto al passato. Il piano programmatorio approvato prevede routinarie azioni di rimodulazione nell’ambito dei servizi ospedalieri e ambulatoriali di tutte nelle quattro sedi dell’Area Vasta 2 (Fabriano, Jesi, Senigallia e Ancona), che mirano semplicemente ad assicurare il consueto mantenimento dei livelli essenziali di assistenza.

La definizione di “fumo negli occhi”  rivolta alla proroga per oltre 300 dipendenti a tempo determinato in scadenza il 15 giugno (tra i quali 139 infermieri, 92 Operatori Socio sanitari e 22 Dirigenti medici) con la quale si garantisce proprio il piano ferie estivo, è grossolana e incomprensibile. Tali proroghe consentono all’AV2 di mantenere gli stessi livelli occupazionali medi dell'anno 2018 (circa 4280 unità).  E' anche evidente che le unità non prorogabili saranno rimpiazzate con nuove assunzioni.

Quanto agli autisti di ambulanza, si evidenzia  che negli scorsi mesi sono stati inquadrati ed immessi nelle funzioni 25 autisti provenienti dalla C.R.I

Oltre a ciò, il programma prevede anche l'assegnazione dall'ASUR all'Area Vasta 2 di ulteriori risorse economiche, che dovranno essere logicamente rivalutate per garantire nei prossimi mesi il turnover di figure infungibili.

Stupisce davvero il clima attorno a questa operazione, evidente strumentalizzazione per finalità che non servono l’interesse della gente.

A riprova di ciò, le dichiarazioni del primo cittadino di Fabriano, quale uomo delle istituzioni, dovrebbero essere improntate all’obiettività e alla cautela e non a pretestuosi tentativi di alimentare polemiche tanto dannose ai cittadini.

A tal proposito si diffida il primo cittadino di Fabriano dal proseguire nell’opera di discredito verso l’ASUR Marche, i cui interessi questa Direzione è chiamata a tutelare in tutte le sedi idonee.

Si ribadisce infine che le ragioni delle dimissioni del Dott. Milco Coacci da Direttore dell’AV2, sono quelle da lui addotte; a dimostrazione di questo il Dott. Coacci è impegnato, come già comunicato, a garantire la continuità dell’azione amministrativa dell’Area Vasta .

 

 


Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l’informativa sulla privacy. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accept acconsenti all’uso dei cookie.
Mission